Perché la coltivazione dei funghi negli Stati Uniti e in Europa è diversa?

Ago 01, 2022

Daniel Dajewski di Agro-Projects discute le differenze tra i mercati dei funghi statunitensi ed europei e delinea i cambiamenti significativi che il settore americano deve intraprendere per modernizzarsi.

I primi funghi coltivati ​​europei furono coltivati ​​nel 1650 in Francia, mentre i primi americani furono nel 1892 in Pennsylvania. Sebbene le strategie per la coltivazione dei funghi differiscano tra i continenti, le differenze stanno diminuendo poiché i coltivatori americani cercano Agro-Projects e altri partner europei per assistere con la modernizzazione.

Gli Stati Uniti vendono quasi 340,000 tonnellate di funghi all'anno, secondo il National Agricultural Statistics Service dell'USDA per il periodo 2020-2021. Questa cifra è quasi la stessa della Polonia,3 ma le cifre per gli Stati Uniti nel 2022 sembrano essere molto più alte, fino a 500,000 tonnellate.

L'European Mushroom Growers Group (GEPC), i cui membri sono 10 stati membri dell'UE, ha prodotto 1,095,000 tonnellate di funghi nel 2020. Basandosi su nuove strutture in Europa, costruite per gentile concessione dell'appaltatore polacco Agro-Projects, quei volumi sono in continuo aumento: tre aziende agricole sono già apparsi in Francia, così come alcuni in Polonia, Romania, Bielorussia e altri paesi. Secondo gli esperti europei, la produzione dei membri dell'UE nel 2022 dovrebbe essere di circa 1,160,200 tonnellate.

Si prega di leggere l'articolo completo per saperne di più, clicca qui.
Fonte: Nuova rivista alimentare

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.